Tag Archives: Poetry

Italian poetry with Arianna – Il lampo della bocca

After some time, I made a new video in the series on Italian poetry. in this new video I talk about the poem Il lampo della bocca, by Giuseppe Ungaretti.

Here’s the text:

Migliaia d’uomini prima di me,
Ed anche più di me carichi d’anni,
Mortalmente ferì
Il lampo d’una bocca.

Questo non è motivo
Che attenuerà il soffrire.

Ma se mi guardi con pietà,
E mi parli, si diffonde una musica,
Dimentico che brucia la ferita.

I hope you enjoy it, and to see you soon on this blog. Ciao ciao!

Italian poetry with Arianna – S’ode ancora il mare

In this video I talk about the poem S’ode ancora il mare (You can still hear the sea), by Salvatore Quasimodo.

Here’s the text:

Già da più notti s’ode ancora il mare,
lieve, su e giù, lungo le sabbie lisce.
Eco d’una voce chiusa nella mente
che risale dal tempo; ed anche questo
lamento assiduo di gabbiani: forse
d’uccelli delle torri, che l’aprile
sospinge verso la pianura. Già
m’eri vicina tu con quella voce;
ed io vorrei che pure a te venisse,
ora, di me un’eco di memoria,
come quel buio murmure di mare.

I hope you enjoy it, and to see you soon on this blog. Ciao ciao!

Italian poetry with Arianna – Donna

In this video I talk about the poem Donna (Woman), by Umberto Saba.

Here’s the text:

Quand’eri
giovinetta pungevi
come una mora di macchia. Anche il piede
t’era un’arma, o selvaggia.

Eri difficile a prendere.
Ancora
giovane, ancora
sei bella. I segni
degli anni, quelli del dolore, legano
l’anime nostre, una ne fanno. E dietro
i capelli nerissimi che avvolgo
alle mie dita, più non temo il piccolo
bianco puntuto orecchio demoniaco.

I hope you enjoy it, and to see you soon on this blog. Ciao ciao!

Italian poetry with Arianna – Attesa

In this video I talk about a poem by Vincenzo Cardarelli, called Attesa.

Here’s the text:

Oggi che t’aspettavo non sei venuta.
E la tua assenza so quel che mi dice,
la tua assenza che tumultuava,
nel vuoto che hai lasciato,
come una stella.
Dice che non vuoi amarmi.
Quale un estivo temporale
S’annuncia e poi s’allontana,
così ti sei negata alla mia sete.
L’amore, sul nascere, ha di
questi improvvisi pentimenti.
Silenziosamente ci siamo intesi.
Amore, Amore, come sempre,
vorrei coprirti di fiori e d’insulti.

I hope you enjoy it, and to see you soon on this blog. Ciao ciao!

Italian poetry with Arianna – Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

This is the first video in a series on Italian poems, in it I talk about the poem Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale, by Eugenio Montale.

Here’s the text:

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

I hope you enjoy it, and to see you soon on this blog. Ciao ciao!